Spire – La città deve cadere

Spire GDR Isola Illyon Edizioni

Voto:

Spire è un gioco di ruolo fantasy punk pubblicato da Isola Illyon Edizioni, in cui i giocatori sono chiamati ad impersonare i Drow (elfi oscuri), con il compito di riconquistare la città dalle grinfie degli odiati Aelfir (elfi alti).

La città, chiamata per l’appunto Spire, si sviluppa in verticale con quartieri ed edifici costruiti gli uni sugli altri, dando così vita ad una vera e propria torre. Nessuno sa con esattezza come e quando sia nata e questo ha dato vita alle teorie più disparate: c’è chi pensa sia il corpo di un antico dio dormiente, chi una macchina con qualche funzione specifica, chi un sigillo per qualcosa di terribile che si cela sotto di essa, ma anche chi pensa sia solo un ammasso di edifici impilati. Sta al Game Master decidere quale sia l’origine della città, ma a prescindere ci saranno diverse fazioni che agiranno sempre in base alla propria idea in merito.

spire gdr torre

La forma a torre di Spire non fa altro che accentuare la differenza tra i ceti sociali che la abitano: in cima vivono gli Aelfir circondati da ricchezze e servitù, mentre in fondo vivono i Drow e i reietti della società come i Gutterkin (individui con anomalie genetiche e malattie ereditarie). Il manuale a tal proposito fornisce tutte le informazioni necessarie sui vari quartieri della città, i suoi abitanti e associazioni che bramano per portare avanti i loro scopi, oltre a suggerimenti per eventuali NPC e statistiche di possibili nemici.

Per un Master da un lato potrebbe essere soverchiante entrare in contatto con tutte le informazioni presenti nell’ambientazione di Spire, ma d’altra parte sono presenti anche tantissimi vuoti da poter riempire e il gioco consente di avere una base solidissima per ogni situazione. Non è necessario imparare tutto a memoria alla prima sessione, poiché in fondo al manuale è presente un indice che permette di ricercare facilmente luoghi, associazioni e personaggi della città: tutto ciò è molto utile soprattutto fin quando non si riesce a padroneggiare a dovere l’ambientazione con tutte le sue caratteristiche.

spire gdr eretico

I personaggi giocanti, come già accennato, sono un gruppo di Drow, ma un dettaglio importante in più è che appartengono a una religione ormai bandita dagli Aelfir, ovvero il Culto di Nostra Velata Signora. La missione del Culto è quella di sovvertire il dominio degli Aelfir a Spire, il tutto mantenendo segrete le identità dei suoi membri, poiché anche i famigliari dei PG potrebbero svenderli alle guardie, visti i metodi spesso discutibili adottati, che portano alla morte di Drow, umani e solo raramente di Aelfir.

I personaggi non sono che pedine per i loro capi e il Culto stesso non si fa problemi a disfarsi degli elementi problematici, fornendo loro false informazioni per farli finire in trappola e morire. Questo rende la loro vita parecchio difficile e non sarà insolito per qualcuno morire durante una missione o per le conseguenze generate dalle loro azioni in città.

spire gdr levatrice

Nel manuale base sono presenti 10 classi totalmente diverse tra loro con abilità, contatti e progressioni uniche, inoltre ognuna di esse spinge i giocatori a legare tra loro i propri personaggi, facendogli scegliere un altro PG come contatto e togliendo quindi al Game Master l’onere di unire il gruppo all’inizio dell’avventura.

La caratteristica principale delle classi di Spire è che ognuna di esse ha la capacità di influenzare l’ambiente in cui si trova: il Cavaliere conosce locande in ogni zona della città, spingendo il GM a improvvisarle sul momento quando richieste, il Funambolo può apparire in scene in cui non è presente, il Saggio del Vermissian può trovare porte per il suo archivio sotterraneo ovunque nella città e così via. Questa meccanica dà ai giocatori un maggior controllo sull’ambiente circostante e, per esperienza personale, mentre i veterani dei GDR sembrano più propensi a sfruttarla, i neofiti potrebbero faticare un po’.

spire gdr bassifondi

Il sistema di gioco di Spire richiede un dado a dieci facce per ogni tiro, più un massimo di altri 3 dadi addizionali in caso si posseggano abilità, domini o talenti collegati al tiro in questione; da 6 in su si ottiene un successo e l’1 e il 10 sono rispettivamente un critico negativo e un critico positivo. Questo sistema, molto semplice da imparare, si presta perfettamente al tipo di gioco prettamente narrativo che Spire trasmette e dà modo ai giocatori di sbizzarrirsi su come risolvere le varie sfide che verranno loro proposte.

Il risultato del dado non implica solo un successo o un fallimento, ma anche la quantità di stress accumulata su una delle cinque caratteristiche esistenti. Ogni personaggio, infatti, può ricevere dello stress dalle azioni fallite, e questo può tradursi in ferite fisiche (stress su Sangue), instabilità emotiva (stress su Mente), perdita di denaro (stress su Argento), perdita di reputazione (stress su Reputazione) o perdita di anonimato (stress su Ombra).

spire gdr morte

Con l’aumentare dello stress accumulato da un personaggio, aumenta anche la possibilità di incorrere in conseguenze di lieve, moderata o grave entità. Una conseguenza grave ad esempio può portare alla morte del personaggio che la subisce e non è neanche troppo difficile che essa si manifesti nell’arco di una sessione, pure usando un sistema alternativo per le conseguenze proposto dal manuale.

La mortalità del sistema di Spire è molto alta e incoraggia fortemente i giocatori a far specializzare i personaggi nei loro ruoli, così da diminuire le possibilità di fallire e accumulare stress: quando ciò non avviene è molto probabile andare incontro a conseguenze permanenti o addirittura irreversibili.

spire gdr violenza

Spire è un GDR dai toni prevalentemente seri e cupi, a cui però non manca un contorno di umorismo che non guasta mai, ma proprio per le sue tematiche non tutti potrebbero trovarsi a loro agio nel giocarlo. Temi come la schiavitù, le differenze tra ceti sociali e il razzismo sono ben presenti in ogni quartiere della città e il manuale stesso richiede al Game Master di descrivere con cura le conseguenze delle azioni dei personaggi, portando spesso a descrizioni di corpi mutilati o Drow brutalmente uccisi.

Per quanto sia possibile modificare l’ambientazione e abbassare i toni della narrazione, è altamente sconsigliato farlo, poiché si andrebbe a rovinare l’immersività in questo mondo oscuro e corrotto a tutto tondo, dove il confine tra bene e male non esiste più e anche solo sopravvivere per combattere un altro giorno è considerata una vittoria.

Un ringraziamento speciale a Isola Illyon Edizioni

DenmarkAPH
DenmarkAPH Articoli
Gioco ai videogiochi da che ne ho memoria, cosa che mi ha portato poi sulla strada dei fumetti e delle serie tv. Seguo un po' di tutto e i memes mi danno una conoscenza approssimativa su qualsiasi argomento. I miei generi preferiti sono senza dubbio il fantasy e tutto quello che riguarda la strategia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.