PS5, primi dettagli ufficiali: retrocompatibilità, SSD, 8K, ma non uscirà nel 2019

playstation logo

Dopo tanti rumor, Mark Cerny ci rivela delle prime informazioni ufficiali su quella che sarà la prossima console PlayStation, a cui per ora ci riferiamo con il nome di “PS5“.

Un prima conferma importante è quella che riguarda la retrocompatibilità: a differenza di quanto avvenuto nella scorsa generazione, PlayStation 5 supporterà i titoli già pubblicati per PlayStation 4, grazie soprattutto all’architettura molto simile delle due console. Però non fatevi trarre in inganno da questo particolare, non ci troviamo davanti ad un semplice upgrade in stile PS4 Pro, ma qualcosa di decisamente più sostanzioso.

Invece del solito disco rigido, la console beneficerà di un più performante SSD, che ridurrà di molto i tempi di caricamento. Per fare un esempio, pare che il viaggio rapido su Marvel’s Spider-Man richieda solo 0.8 secondi invece dei 15 di cui ha bisogno su PS4, ma anche i rendering verranno effettuati molto più rapidamente.

Il cuore di PS5 sarà formato da una CPU 8-core basata sulla terza generazione di AMD Ryzen, con la nuova microarchitettura Zen 2 a 7 nanometri della compagnia. La scheda video invece sarà una versione custom della famiglia AMD Radeon Navi con supporto al ray-tracing, una tecnologia che simula complesse interazioni della luce con gli ambienti 3D e che per la prima volta si appresta a sbarcare su una console casalinga.

Tutto ciò permetterà al nuovo sistema di casa Sony di supportare anche la risoluzione 8K (per la quale vi ricordiamo che serve comunque uno schermo compatibile). Il nuovo chip AMD consentirà anche di sfruttare a dovere l’audio 3D, aspetto che secondo Cerny ridefinirà il ruolo del sonoro nei videogame: “Parlando da gamer, ho provato un po’ di frustrazione per una mancata evoluzione dell’audio tra PlayStation 3 e PlayStation 4. Con la prossima console sogniamo di mostrare quanto possa essere terribilmente diversa l’esperienza audio quando vi applichiamo una quantità considerevole di potenza hardware.”

In quanto al modo di fruire dei giochi, per la gioia dei collezionisti Sony non ha ancora intenzione di abbandonare i supporti fisici (anche se non sappiamo se si tratterà sempre di Blu-ray o qualcosa di nuovo), pur continuando ad affiancarvi il mercato digital e lo streaming di PlayStation Now. A quanto pare la transizione tra la PS4 e la nuova console verrà resa molto “morbida”, con un periodo di svariate nuove uscite rivolte ad entrambe.

Nessun dettaglio invece riguardo futuri piani per la realtà virtuale su PS5. Cerny per ora afferma solo che la VR è molto importante per Sony e che l’attuale headset sarà pienamente compatibile.

Manca anche una data d’uscita, ma ora sappiamo per certo che la PlayStation 5 non arriverà sugli scaffali entro il 2019, inoltre le possibilità che venga presentata all’E3 di quest’anno rasentano lo zero. Probabilmente avremo nuove informazioni ancora più in là e, come lasciano intendere numerosi rumor, per l’uscita se ne riparlerà verso la fine del 2020.

Fonte: wired.com

RocketSimoon Articoli
Appassionato di film e videogiochi da quando c'erano ancora videocassette e floppy disk, da meno tempo anche di serie tv. Sono curioso per natura e per questo non specializzato in un unico genere, ma tendo a preferire horror, thriller e azione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*