Tenet, il disorientante spy movie di Christopher Nolan

Tenet film Christopher Nolan 2020

Voto:

Qualche anno fa Christopher Nolan dichiarò di amare il personaggio di James Bond e di essere certamente interessato a dirigerne un film, il che portò molti a immaginare un suo possibile coinvolgimento nel nuovo capitolo del franchise. Come sappiamo questo non è avvenuto, ma Nolan ha comunque deciso di realizzare un “Bond” tutto suo, con John David Washington e manipolazioni temporali di lusso.

Il protagonista è un agente dei servizi segreti coinvolto in una missione di spionaggio internazionale per impedire al mondo di incorrere in una possibile terza guerra mondiale. Qualcosa di terribile è avvenuto nel futuro e se ne stanno trovando dei frammenti nel passato. La chiave per aprire le porte di questo mistero è una parola: “Tenet“.

tenet nolan john david washington

Tenet è senza dubbio il film più ambizioso del regista britannico, girato in sette nazioni con un budget di 205 milioni di dollari a disposizione, premesse che però portano con sé anche aspettative molto alte, che spingerebbero molti a viaggiare su binari sicuri e compiacere in una qualche misura il pubblico per evitare un rovinoso flop. Nolan invece, dimostrando un’invidiabile fiducia in se stesso (o forse una grande superbia), anche questa volta ha perseguito unicamente la sua visione, portando sul grande schermo un film molto divisivo, destinato a far discutere a lungo e a scontentare gran parte del pubblico che lo ridurrà a un superficiale “non ci ho capito un cazzo”.

Eppure i risultati gli stanno dando ragione, dal momento che dopo mesi di chiusura delle sale a causa della pandemia e una riapertura molto tiepida (nonostante l’uscita di Onward), grazie a Tenet stiamo finalmente assistendo a quella che sembra una vera ripartenza del cinema.

tenet nolan sator

I trailer indecifrabili hanno dato a Tenet la fama di un film complicatissimo, ma in realtà alla sua essenza è piuttosto semplice, solo che a questa conclusione ci si arriva a mente fredda. Chiariamoci, non si tratta di una visione da prendere alla leggera, sono 2 ore e mezza piene zeppe di informazioni da elaborare e non sono ammesse distrazioni, talvolta arriva anche ad essere sfiancante l’impegno che richiede, ma tolta una prima fase di stordimento alla sua conclusione, rimuginandoci un po’ su e magari confrontandosi con gli amici, ci si rende conto che tutto (o quasi) torna.

Indubbiamente Tenet richiede ben più di una visione per essere apprezzato a dovere, affrontandolo ogni volta con maggiore consapevolezza, ma tutto ciò ci porta a un bel dilemma: è davvero questo che vogliamo da un film? Parlando per me, non mi dispiace affatto essere spronato a comprendere qualcosa facendo affidamento sulle mie facoltà intellettive, senza essere condotto troppo per mano, ma qui ho trovato diversi passaggi fin troppo pesanti e farraginosi (per fortuna stemperati da qualche battuta qua e là), e all’uscita dalla sala non ho provato una sincera soddisfazione per quanto visto. Altri film molto impegnativi, anche dello stesso Nolan, riescono ad essere decisamente più scorrevoli e non bisognosi di ulteriori visioni per risultare pienamente soddisfacenti.

tenet nolan aereo
Fun fact: per questa scena è stato fatto schiantare un vero aereo

È pur vero che Tenet porta sullo schermo qualcosa di davvero mai visto finora, ed anche per questo è difficile da metabolizzare su due piedi. La questione dell’inversione temporale su cui si basa tutto il film è geniale e stravolge bruscamente l’idea tipica che abbiamo dei viaggi nel tempo, mettendo in campo delle regole a cui non siamo abituati. Solo Chistopher Nolan, con le sue idee fuori dal comune sul tempo e risorse a non finire, poteva realizzare qualcosa del genere e, al di là delle opinioni soggettive sul suo modo di fare cinema, bisogna riconoscergli il potere di settare continuamente nuovi standard nell’immaginario collettivo. Pensateci: quante volte avete sentito dire “come in Inception”, “come in Memento”, “come in Interstellar” per fare un esempio immediatamente comprensibile su qualcosa? Ebbene, sono certo che allo stesso modo diventerà comune dire “come in Tenet”.

Per quanto mi riguarda non mi sento di mettere questo film sul podio dei miei preferiti di Nolan dal momento che non mi ha suscitato grandi emozioni, anche per via di colpi di scena non particolarmente clamorosi e personaggi abbastanza piatti e stereotipati nonostante l’indiscutibile bravura degli attori, ma in ogni caso non posso fare a meno di riconoscerne i meriti e le qualità.

tenet nolan maschera

Tenet è un monumentale thriller fantascientifico caratterizzato da un’idea originale, messa in scena in maniera stratosferica e con scene d’azione fantastiche che la sfruttano sapientemente. Anche solo considerando il comparto visivo parliamo di grande cinema, mentre per quanto riguarda i contenuti è una miniera d’oro di interessanti spunti di discussione e di simbolismi (penso ai riferimenti all’enigmatico quadrato del Sator) da approfondire.

Che piaccia o meno, questo film lascerà un segno nella storia del cinema, complice anche il ruolo fondamentale che sta ricoprendo per il settore al momento della sua uscita, pertanto merita di essere visto e rivisto. ottaf àig eteva’l esrof otseuq aM.

RocketSimoon
RocketSimoon Articoli
Appassionato di film e videogiochi da quando c'erano ancora videocassette e floppy disk, da meno tempo anche di serie tv. Sono curioso per natura e per questo non specializzato in un unico genere, ma tendo a preferire horror, thriller e azione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Accetto la Privacy Policy

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.