Sympathy for the Demon – A qualcuno piace sacro

sympathy for the demon a qualcuno piace sacro

Voto:

Ci avviciniamo per la prima volta ai lavori del collettivo Diamond Dogs con il simpaticissimo Sympathy for the Demon – A qualcuno piace sacro, ad opera di Roy e Vyles. Il progetto nasce come webcomic e questo è il secondo volume che ne viene tratto dopo Genesis.

A qualcuno piace sacro è essenzialmente una raccolta di strisce. Non è facile proporre un prodotto del genere, perché sebbene il pubblico online possa sembrare essere ampio e consolidato, bisogna comunque offrire qualcosa di inedito e valido che ne giustifichi realmente l’acquisto, dare un valore aggiunto, e gli autori qui ci sono riusciti.

Roy e Vyles riescono ad evitare l’effetto di “già visto” non solo aggiungendo nuovi contenuti, ma scegliendo di dividere il volume a metà: la prima parte è dedicata esclusivamente alle strisce già pubblicate online assieme ad alcune inedite, mentre la seconda ad un vero e proprio racconto.

sympathy for the demon contratto

Il protagonista di Sympathy for the demon è Nergal, un demone che sulla Terra ha il compito di far firmare dei contratti agli umani per prendere le loro anime, esaudendo in cambio un qualsiasi desiderio. Nergal è un personaggio carismatico, libero, furbo e sagace, incarna tutto ciò che ci si aspetta da un demone ai giorni nostri e molto di più, perché i secoli passati sulla Terra l’hanno reso a sua volta più umano e sensibile a determinate situazioni, nelle quali si permette uno strappo alla regola.

Sia caratterialmente che visivamente, Nergal ricorda molto il demone Crowley della serie tv Good Omens: capelli rossicci, occhiali scuri, battuta sempre pronta ed un’indole ormai contaminata dalla lunga convivenza con gli esseri umani, oltre a poteri sovrannaturali, sono i punti cardine che descrivono la sua figura.

sympathy for the demon telefono

Nergal però non è l’unico protagonista del fumetto e nella seconda metà (quella caratterizzata appunto dal racconto) viene affiancato da un insospettabile Gesù, bisognoso di ritrovare i contatti con le sue umili origini. Ciò che rende la storia davvero divertente è che i due, dopo un party decisamente sopra le righe, si trovano ammanettati fra loro e per liberarsi dovranno recuperare le chiavi del Paradiso, perse da Gesù a poker contro la gangster Molly Malone (un chiaro e piacevolissimo tributo al film “A qualcuno piace caldo”, richiamato anche dal titolo stesso del fumetto).

La trama è lineare, ben strutturata e piena di momenti comici ben ideati, che alleggeriscono il fumetto senza snaturarlo. Il ritmo è scandito dai dialoghi fra i due protagonisti e da tavole disegnate in maniera tale da ricordare quasi lo storyboard di un film, restituendo al lettore la sensazione di assistere in prima persona agli avvenimenti narrati, rendendolo parte integrante della storia.

sympathy for the demon gesù

Apprezzo molto lo stile di disegno adottato in Sympathy for the Demon – A qualcuno piace sacro: il tratto di Vyles è leggero e scanzonato, ma trasmette sempre pieno rispetto verso i personaggi che illustra, perché mostra una particolare cura specialmente nelle composizioni delle vignette e nei dettagli. Inoltre la scelta di usare esclusivamente bianco, nero e grigio con l’unica eccezione del rosso consente di dare risalto a determinati particolari scelti dagli autori, posizionando degli accenti che rendono le tavole pregne di significato.

Il fumetto si presenta decisamente ben fatto anche a livello di stampa, con le pagine caratterizzate da uno sfondo grigio chiaro, e devo ammettere che ho trovato ottima questa scelta, perché la lettura non affatica affatto la vista e permette di dare maggior risalto agli elementi in bianco. Assolutamente da menzionare è la qualità della copertina: opaca, piacevolissima al tatto e dall’aspetto durevole.

sympathy for the demon gesù e nergal

Sympathy for the demon – A qualcuno piace sacro è in grado di far ridere genuinamente senza essere dissacrante o volgare, inoltre tratta temi importanti come quello della guerra o della depressione senza snaturarli, lanciando verso la mente del lettore degli spunti di riflessione come piccoli dardi infuocati.

Sono rimasta decisamente soddisfatta nello scoprire un fumetto così d’altri tempi, che mi ha fatto tanto ridere quanto rimanere ferma a fissare il vuoto per qualche secondo, riflettendo sui temi suggeriti. Gli autori sono riusciti a ideare un volume in grado di trasmettere costantemente emozioni e proprio per questo ve ne consiglio caldamente la lettura.

Un ringraziamento speciale a Diamond Dogs

Sympathy for the demon – A qualcuno piace sacro è acquistabile sulla pagina Storenvy di Diamond Dogs

Nina-chan Articoli
Dolce, carina, coccolosa, sadica, affascinata dall'horror e dal creepy... insomma, gli opposti convivono in me. "Mani in pasta" ovunque con collaborazioni tra sceneggiature, recensioni, gestione di disegnatori ed autori, sono loro il mio mondo. Datemi libri, non fiori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*