Orwell’s Animal Farm (PC)

Voto:

Orwell’s Animal Farm è un gioco indipendente sviluppato da Nerial e pubblicato da The Dairymen, che ha lo scopo di trasporre il romanzo satirico di Orwell in una sorta di gestionale fortemente story driven, con finali multipli e diversi obiettivi da sbloccare durante il corso delle run.

Una volta scacciato dalla fattoria il fattore Jones, sarà compito degli animali far sì che il podere non cada in rovina, cercando di mantenerlo attivo e produttivo senza venir meno agli ideali animalistici che avevano caratterizzato la rivoluzione.

orwell's animal farm palla di neve

Dovremo prendere le decisioni migliori per far prosperare la fattoria degli animali, e al contempo tenere il morale degli stessi il più alto possibile. Potremo scegliere tra le varie proposte che gli animali abitanti della fattoria porteranno in riunione, cliccando di volta in volta su quello del quale vorremo prendere le parti.

Un comparto quindi prettamente gestionale, che però fin dalle prime fasi di gioco si va a scontrare con la forte impronta narrativa che gli sviluppatori hanno impresso nel titolo. Spesso ci verranno poste delle scelte fasulle che, a discapito di quella che sarà la nostra decisione, porteranno sempre e solo verso un risultato prestabilito.

Allo stesso modo, sono presenti alcuni eventi scriptati che saranno impossibili da evitare e che provocheranno irrimediabilmente la caduta in disgrazia della fattoria. Infatti non sembra possibile un finale positivo e i 7 disponibili vertono tutti, seppur in maniera differente, al collasso dell’utopico sogno animale.

orwell's animal farm ogni clima ogni terra

In fin dei conti il nostro scopo ultimo non sarà tanto quello di far durare la fattoria più a lungo, quanto, una volta capita l’ideologia che sta dietro al gioco, sbloccare più finali differenti possibili, cercando di partita in partita di variare le scelte prese quel tanto che basta per ottenere un risultato diverso.

Tuttavia, è proprio in questo che il gioco scopre di più il fianco, rivelando una profonda e criptica mancanza di chiarezza nei momenti in cui bisogna prendere una decisione. Spesso verremo messi davanti a proposte scritte in maniera identica che però, essendo presentate da animali differenti, produrranno un risultato altrettanto diverso.

Il gioco non spiega in alcun modo come intuire le differenze che stanno dietro ai diversi animali e, solo tramite l’esperienza diretta di più run, sarà possibile tentare di decifrare l’arcano. A causa di questa poca chiarezza, si viene spinti a rigiocare più volte, non tanto invogliati dal suo gameplay o dalla scrittura dei dialoghi, bensì dalla voglia di capire quanto effettivamente nelle partite precedenti fossimo stati padroni o no delle nostre scelte.

orwell's animal farm scelte

Si ha spesso la sensazione di essere preda di un film mascherato da gioco, che dà solo l’illusione di essere padroni della situazione senza poi avere effettivo controllo degli eventi, se non in pochissimi casi ristretti e solo tramite alcune specifiche opzioni.

A volte è capitato che il gioco mi facesse ripetere una giornata più e più volte senza un reale motivo. In questi casi, anche se a schermo veniva segnalata la morte di un animale, in realtà quest’ultimo era sempre lì. Sicuramente si tratta di un bug che verrà risolto nelle future patch, ma che attualmente rende parte dell’esperienza veramente estraniante e confusionaria.

Un altro problema riguarda i maiali, che sono la classe dirigente della fattoria degli animali: sembra infatti che, in un primo momento, essi siano uguali a tutti gli altri abitanti e, proprio come loro, ci daranno la possibilità di scegliere tra le diverse attività a cui la manodopera della fattoria deve dedicarsi. Nel caso in cui, però, uno dei maiali dovesse morire o scappare dalla fattoria, verranno meno tutte le scelte fondamentali al sostentamento che la sua presenza offriva. Perdere durante la partita uno dei tre maiali sarà quindi il primo passo verso la decadenza e la perdita di benessere a cui la fattoria auspica.

orwell's animal farm prosciutto

Questo importante aspetto non viene mai esplicitato chiaramente dal gioco, lasciando il tutto alla sola voglia del giocatore di provare il titolo più e più volte per capire la natura di certe dinamiche. Sicuramente un peccato, visto che l’art direction del gioco è particolarmente ispirata e le musiche sono sempre appropriate al momento e mai fastidiose. Inoltre, l’idea di creare un gestionale basato sul romanzo di Orwell è sicuramente una trovata azzeccata, anche se riuscita solo in parte.

Consiglio sicuramente Orwell’s Animal Farm a chi ama l’omonimo romanzo dal quale è tratto, tuttavia ribadisco che all’effettivo il gioco ha molti problemi strutturali, riguardanti soprattutto la chiarezza, che spero verranno risolti nei futuri aggiornamenti.

Special thanks to Renaissance

TheAGE98 Articoli
Ho sempre avuto la mania di recensire tutto quello che leggo o a cui gioco consigliando (o costringendo) tutti i miei amici e conoscenti ad avvicinarsi a quella determinata opera.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*