Nerd AntiZombie – Apocalisse a RozzAngeles, di Francesco Nucera

nerd antizombie francesco nucera nero press edizioni

Voto:

Di solito mi cimento in recensioni di graphic novel, ma questa volta vi propongo qualcosa di diverso, pur senza discostarmi troppo dalle mie corde: vi parlo di Nerd AntiZombie – Apocalisse a RozzAngeles, romanzo di Francesco Nucera pubblicato da Nero Press Edizioni, una storia in cui apocalisse e “nerdaggine” formano un connubio equilibrato che garantisce un sacco di risate e risvolti incredibili.

Se durante la notte di capodanno i vostri amici vi inviassero un messaggio con scritto che gli zombie stanno uccidendo tutti, gli credereste? Personalmente no, così come non gli ha creduto Diego, almeno finché l’anziano signore a cui faceva da infermiere di notte non ha iniziato a cibarsi di sua figlia. È proprio da qui che tutto ha inizio, facendoci ritrovare già catapultati all’interno delle vicende.

nerd antizombie francesco nucera zombie

Nonostante innumerevoli film, serie tv, libri e fumetti a tema apocalisse zombie, in una situazione del genere nessuno di noi saprebbe davvero come comportarsi, ci scopriremmo totalmente impreparati. È esattamente ciò che accade ai protagonisti di Nerd AntiZombie, fatta eccezione per Paolo, il Cittadino Z, l’unico talmente preparato a qualsiasi evenienza da avere il controllo della maggior parte delle telecamere della città e una postazione degna dei migliori film di fantascienza.

Nerd AntiZombie si basa essenzialmente su un’ambientazione assurda al cui interno si muovono personaggi estremi, che però a fronte di azioni e scelte decisamente fuori del comune si comportano in maniera stranamente plausibile. La buona riuscita di tutto ciò si deve all’abilità dell’autore: Nucera riesce a rendere verosimili e perfettamente normali anche le situazioni più assurde, come una ragazzina viziata talmente presa dal lamentarsi col fidanzato perché figlio di un kebabbaro, da non accorgersi dell’apocalisse zombie in corso a pochi metri di distanza da loro. Che poi ammettiamolo: a tutti noi è capitato di conoscere qualcuno decisamente fuori dalle righe, e questo magari ci aiuta ulteriormente a percepire come “veri” i personaggi del libro.

Niente maschere antigas ed armi all’ultimo grido, ma armature, spadoni e tutine da supereroi. È questo il vero colpo di genio del libro: i nerd sono nerd fino alla fine, coerenti con il loro modo di essere in qualsiasi circostanza. Non conoscono altro modo per affrontare i problemi se non quello di immedesimarsi in un gioco di ruolo, traendo fiducia e forza dai personaggi da loro interpretati. Nel mezzo della corsa alla sopravvivenza e il caos generale, lo scrittore trova anche il tempo di approfondire il carattere dei protagonisti, mostrando la dicotomia che spesso vive nel “nerd tipo”, ovvero il desiderio di avere una ragazza e quello di giocare (che spesso ancora oggi viene giudicato come una cosa da sfigati).

I personaggi sono dei più svariati, eppure funzionano senza problemi all’interno della trama ed ognuno riesce a ritagliarsi il proprio spazio, il proprio momento di gloria, tanto che non spicca un vero e proprio protagonista: al termine della lettura conserveremo il ricordo di ogni personaggio incontrato e delle sue caratteristiche. Già questo basterebbe a riconfermare il talento di Francesco Nucera, ma non finisce qui.

L’autore di volta in volta riesce a farci saltare da un punto di vista all’altro con una semplicità immensa, senza confonderci o lasciarci storditi. Riusciamo ad avere immediatamente un quadro complessivo degli avvenimenti che accadono in posti diversi nello stesso arco temporale, così che in seguito non ci sarà bisogno di tornarci su per riordinare i fatti e capire cosa è avvenuto prima e cosa dopo.

Nerd AntiZombie è un libro che parla di nerd per i nerd, ma al tempo stesso riesce a farsi comprendere anche da un pubblico a cui i giochi di ruolo e determinate dinamiche sono sconosciute. Nucera evita di addentrarsi in inutili tecnicismi comprensibili a pochi eletti, eppure riesce a parlare in modo chiaro e non invadente dei giochi di ruolo, così da risultare alla portata di tutti senza tradire la sua identità e quella del suo scritto.

Personalmente adoro il modo di scrivere dell’autore: agile, chiaro eppure non scontato o sciatto. La narrazione scorre fluida seguendo il ritmo delle azioni, mentre la suddivisione in capitoli nei punti più adatti aiuta a comprendere meglio il cambio di punto di vista e di ambientazione. Cosa non da meno, questo libro è riuscito a farmi ridere (e con me è difficile): tra sangue, bambini zombie e menomazioni le battute e l’ironia ogni tanto fanno capolino in modo magnifico.

nerd antizombie francesco nucera gdr

Un ultimo punto da menzionare (ma non in ordine d’importanza) su come viene narrata la storia in Nerd AntiZombie riguarda un’estrema crudezza e l’assenza di filtri. Questo vale sia per le azioni positive che per quelle negative, d’altro canto stiamo vivendo l’avventura attraverso gli occhi dei vari personaggi, quindi è più che giusto che non vi siano filtri fra noi e loro: se uno ha turbe mentali o si droga emerge, come emergono le difficoltà ad approcciarsi alle ragazze e alla sessualità, ma anche al sangue, il dolore e la morte.

Francesco Nucera non si è risparmiato e mi ha tenuta con il fiato sospeso fino alla fine, facendomi sperare in un seguito nonostante qui ci sia comunque una degna conclusione. Una vera chicca che apprezzeranno specialmente i giocatori di ruolo sono le schede dei personaggi principali inserite nelle ultime pagine, insieme alla possibilità di creare la propria e così poter ruolare nell’ambientazione post-apocalittica del libro.

Nerd AntiZombie – Apocalisse a RozzAngeles è consigliatissimo sia ai nerd che a quanti potrebbero semplicemente trovare interessante una lettura scorrevole e divertente a tema zombie. Visto che siamo in estate e che il libro è resistente e poco ingombrante, si potrebbe anche cogliere l’occasione per goderselo sotto l’ombrellone e magari approfittare delle schede finali per coinvolgere qualche amico in un’avventura contro i non-morti; voi che punteggio vi assegnereste alle statistiche di “sfiga” o “livello Nerd”?

Un ringraziamento speciale a Francesco Nucera

    Nina-chan Articoli
    Dolce, carina, coccolosa, sadica, affascinata dall'horror e dal creepy... insomma, gli opposti convivono in me. "Mani in pasta" ovunque con collaborazioni tra sceneggiature, recensioni, gestione di disegnatori ed autori, sono loro il mio mondo. Datemi libri, non fiori.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *


    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla Privacy e i Termini di Servizio di Google.